La Fiesta della tecnologia!

Ciao a tutti,

la nuova Ford Fiesta si sta dimostrando davvero tecnologica, rispettosa dell’ambiente e attenta alla sicurezza.

Quadro Ford Fiesta
Quadro Ford Fiesta

La nuova Fiesta si presenta con molte novità e fra queste ce ne sono alcune strettamente legate all’avanzata dotazione di servizi che Ford offre attraverso la la piattaforma telematica Sync. Dopo aver debuttato in Europa con la Focus, Emergency Assistance abiliterà infatti anche dalla nuova compatta della casa americana le chiamate automatiche di emergenza in caso di incidente (se tale da attivare gli airbag o il blocco della pompa del carburante), in 40 Paesi e in 26 lingue diverse.
La possibilità di contattare i centri di assistenza nella propria lingua anche all’estero è una delle virtù della tecnologia integrata nel sistema di connettività e comandi vocali. Ford, in tal senso, enfatizza come il 10 per cento di un campione di 3mila cittadini europei sia stato coinvolto in incidenti in nazioni diverse dalla propria e come il 75 per cento non sarebbe stato in grado di chiamare i soccorsi in caso di sinistro.

Grazie a Sync, che utilizza il Gps di bordo per ricavare le coordinate del luogo dell’incidente, la telefonata viene effettuata all’istante al 112(attraverso il cellulare del guidatore (che ha alcuni secondi di tempo per annullare la chiamata) collegato al sistema di bordo tramite Bluetooth. Successivamente all’invio del messaggio registrato, contenente anche le coordinate del luogo del sinistro, il sistema apre la comunicazione tra l’operatore e l’abitacolo dell’auto in viva voce, permettendo anche di continuare a parlare attraverso il cellulare chiamante anche fuori dall’auto.

Alla sicurezza guarda inoltre un’altra tecnologia della nuova Fiesta, prima auto in Europa a essere dotata di MyKey, un sistema (di serie sulla maggior parte dei nuovi modelli Ford) che permette ai genitori di configurare alcuni parametri dell’auto per controllare lo stile di guida dei figli quando la vettura è loro affidata. In altre parole è possibile programmare una chiave di avviamento speciale che limita la velocità massima di percorrenza e il volume dello stereo (azzerandolo completamente qualora le persone a bordo non indossino le cinture di sicurezza), oltre che impedire la disattivazione degli strumenti di sicurezza e assistenza alla guida come l’Active City Stop, che può aiutare a evitare gli incidenti alle basse velocità o a ridurne in ogni caso l’entità. Anche in questo caso, il produttore americano valorizza la presenza del proprio “add on” tecnologico con un dato statistico, che vede gli europei sotto i 25 anni esseri esposti al doppio del rischio di essere coinvolti in un incidente grave.

Alla voce eco-compatibilità, infine, l’ultima nata di casa Ford mette sul tavolo la virtù di ben sette propulsori in grado di emettere meno di 100 g/km di anidride carbonica, fra cui il pluripremiato motore EcoBoost 1.0 a benzina e la versione diesel ECOnetic Duratorq TDCi 1.6 (che riduce a 87 g/km le emissioni di CO2 richiedendo solo 3,6 litri di carburante per 100 chilometri). Bassi consumi ed emissioni ridotte sono un punto fermo della nuova generazione di auto per il mass market ed in quest’ottica, per ciò che concerne la nuova Fiesta, contribuiscono tecnologie per massimizzare l’efficienza come lo Start&Stop (che spegne automaticamente il motore quando la vettura è ferma), la ricarica rigenerativa intelligente (che ottimizza la ricarica della batteria durante le frenate e le discese) e il sistema EcoMode, che tiene sotto controllo lo stile di guida e fornisce informazioni al conducente su come migliorarlo.

direi che non rimane da augurare…

 

BUONA FIESTA

 

Max

2 thoughts on “La Fiesta della tecnologia!”

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.